Storiella per la notte di Halloween

La notte è giunta … e il vecchio stregone Emanuel Montras vi invita ad avvicinarvi al fuoco mentre inizia i suoi tetri racconti…
Once upon a time……
va beh mica vorrete sentire la solita fregnaccia che finisce bene tipo ansel e gretel?
dopotutto i due poveri bambini sono stati abbandonati nel bosco perchè l’assistenza sociale latitava e l’ingiunzione del tribunale di allontamaento dei minori dalla famiglia era rimasto fermo per lo sciopero degli avvocati. Quindi, come farebbe qualsiasi bravo genitore indigente, decide che privarsi del SUV sarebbe troppo e quindi abbandona i bimbi sulla tangenziale ma questi, subdoli, chiamano un taxi con il telefonino rubato alla madre e tornano a casa.
Il giorno dopo i genitori decidono di fare le cose per bene e quindi li perquisiscono e li legano con il guinzaglio al guardrail, come del resto fanno con successo tutte le estati con il cane.
I bambini riescono a trovare un pezzo di lamiera di un camion incidentato il giorno prima e si liberano dal guinzaglio a strozzamento e, facendo l’autostop, vengono caricati a tarda notte da un viados brasiliano che ha appena finito il suo “turno”.
Il viados, capendo solo il dialetto portoghese del distretto amazzonico, porta i bambini lamentosi a casa sua ma la mattina dopo la polizia fa una retata nel palazzo gestito dalla malavita cossovara e riesce a non uccidere di botte i due bambini impegnati a sfamarsi con lo zucchero a velo (forse) e li riporta così dai probi genitori che, nel frattempo, sono riusciti a risolvere i propri problemi economici vendendo gli organi di Fritz, il fratellino più piccolo, al mercato nero.
I genitori riaccolgono un po’ incazzati ansel e gretel perchè ora per potersi comprare la barca dovranno ricominciare ad intessere trattative con i basisti albanesi e scegliere quale dei due gemellini vendere; decidono quindi di comprarsi anche una villa in sardegna e quindi vendono entrambi.
L’ingiunzione del tribunale viene mandata due anni dopo per sbaglio alla matrigna di Cenerentola. Ma questa è un’altra storia, per questa sera buonanotte.
Annunci

2 pensieri su “Storiella per la notte di Halloween

  1. Ciao Tommy,
    spero che questa non sia la favoletta che racconti ai tuoi figli per farli addormentare la sera…
    Però mi è piaciuta!
    La cosa stupefacente è che molto più realista di quanto uno voglia credere…
    Ben tornato!

  2. ciao!!!
     
    molto carino il tuo blog!!!
     
    baci
     
                                                         *Mary*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...