La silenziosa rivolta degli Elefanti

Con passo lento, possente e pacato hanno iniziato una silenziosa rivolta, gli hanno tolto lo spazio, il cibo, l’acqua e così in piccoli gruppi organizzati alla bene meglio si sono spinti oltre quelle che oramai sono le loro riserve, con orgoglio, con voglia di vivere e di ristabilire il controllo del loro territorio si scagliano all’assalto di un nemico più numeroso e più forte, armati solo del loro coraggio.

La lotta in patria però ha risvegliato gli animi di alleati insperati e così come a rispondere al richiamo d’aiuto del branco, nuovi gruppi, stavolta molto più numerosi si sono mossi in loro soccorso e così nel 2007 in 50 hanno invaso Rotterdam, nel 2008 in 70 hanno invaso Anversa, nel 2009 in 100 hanno invaso Amsterdam, nel 2010 sono passati ad invadere più città e così in 65 hanno preso Bergen, in 75 erano a Emmen ed in 258 occupavano tutta Londra!

Quest’anno i branchi d’invasione hanno stabilito nuovi obbiettivi, saranno in 25 a Heerlen, in 50 a Milano e più di 100 a Singapore!

Loro sono l’Esercito Muto della Parata degli Elefanti, sono fieri come i loro fratelli asiatici di carne ed ossa, tutti differenti tra loro, pittati e colorati da artisti di tutto il mondo e tutti pronti a combattere per la stessa causa!

… e loro, quelli veri, senza sapere di avere alleati in Europa che lottano per i loro diritti, affrontano gli uomini ogni giorno, indomiti e mastodontici, ma lenti e goffi di fronte alle capacità di questo predatore che gli toglie tutto!

L’ultimo esempio è accaduto qualche giorno fa, era il 7 Giugno 2011 e 4 giovani maschi sono usciti dalla foresta ai margini di Mysore, nello stato indiano del Karnataka, alla ricerca di cibo si sono diretti verso l’abitato.

Un paio di elefanti sono stati messi in fuga dai contadini che difendevano le loro fattorie, mentre gli altri due hanno proseguito, più spaventati che pericolosi, inseguiti dagli uomini.

Uno dei due pachidermi è stato catturato, imbrigliato e fermato mentre l’ultimo dei quattro, oramai inferocito dalla folla che gli gridava contro ha scatenato tutta la forza che può avere un elefante e si è diretto verso la città.

In molti uomini hanno tentato di fermarlo mettendosi sulla sua strada, ne ha feriti a decine, ha incornato una mucca che gli bloccava il passaggio, ha devastato un SUV, ha colpito con le sue zanne diverse vetture compreso un bus.

Ha ucciso un uomo che come tanti era lì attorno a lui insieme alla bolgia umana che gli urlava e gli tirava oggetti, infuriati per quella ribelle invasione, per quell’atto di orgoglio e coraggio che un animale ha osato mostrare.

Alla fine lo hanno preso, anche lui è stato fermato e imbrigliato. Portato insieme agli altri suoi compagni li hanno riaccompagnati nella foresta, dove si dice li abbiano liberati.

In 100 anni gli Elefanti Asiatici sono passati da 250.000 a poco più di 25.000!

Prima che sia tardi e per vedere un elefante dovremo ricorrere a foto e ricordi, non sarebbe meglio intervenire?

Se pensate di sì, avete un’opportunità, dal 16 Settembre al 15 Novembre 2011 il silenzioso esercito degli elefanti colorati invaderà Milano con l’iniziativa Elephant Parade! Fotografateli e postateli, facebookateli, tweetateli, insomma parlatene e macari adottatene uno piccolo piccolo così da aiutare alla conservazione degli Elefanti Asiatici.

Pingback: Seven Links Project

 

************************

Fonti

Euronews:       http://it.euronews.net/2011/06/08/india-elefanti-selvaggi-seminano-il-panico-e-uccidono-un-uomo/

The Age / Telegraph: http://www.theage.com.au/news/world/elephants-remember-to-take-revenge/2006/02/16/1140064203387.html

RobiFocus

Annunci

7 pensieri su “La silenziosa rivolta degli Elefanti

  1. io ci sarò!!!
    ma non penso avessi dubbi in proposito vero socio? 😉

    l’unico modo per aiutare, è sensibilizzare l’opinione pubblica in ogni modo possibile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...